"Last Flag Flying": Il nuovo film di Richard Linklater

 _DSC7621.ARW
Regista: Richard Linklater

Anno: 2017

Durata: 124m

Genere: Drammatico, Commedia

 

Richard Linklater ha sempre dimostrato un grande interesse verso storie di vita quotidiana, accostandosi a figure di personaggi comuni e mostrandone con naturalezza i loro sentimenti e le loro fragilità. Già in “Boyhood” del 2014, film che ha avuto una lavorazione di 12 anni, si evince questo interesse verso l’essere umano, lasciando da parte qualunque espediente narrativo forzato o colpo di scena, racconta il flusso della vita così come è, tanto da riuscire a creare una reale familiarità con i suoi personaggi, e dandoci l’impressione che le sue storie continuino nel tempo.

“The Last Flag Flyng”, film sul racconto ononimo di Darryl Ponicsan, narra di Larry ‘Doc’ Shepherd (Steve Carell), ex medico della marina; subito dopo la notizia che suo figlio è rimasto ucciso in uno scontro in Iraq, decide di incontrare i suoi vecchi compagni, l’ex marine Sal Nealon (Bryan Cranston) e il reverendo Richard Mueller (Laurence Fishburne), i quali lo aiuteranno a dare degna sepoltura al figlio; seguiremo il loro viaggio fisico e psicologico, che li porterà a ricordare i giorni vissuti in Vietnam e di come questi li hanno segnati negli ultimi anni.

lastflagflying_t_cms-638x425.jpg

Linklater ci coinvolge immediatamente nella vita di questi tre protagonisti, presentandoli senza esitazione, facendoci entrare in contatto con le loro personalità e le loro storie. Questo film, come anche i suoi precedenti, si fa molto carico delle prove attoriali e di come gli interpreti riescano a gestire i lunghi dialoghi con totale disinvoltura e improvvisazione, entrando quasi completamente in osmosi con il carattere dei loro personaggi, dosando bene sia i momenti malinconici sia quelli arguti, senza risultare mai sopra le righe né troppo costruiti.

“The Last Flag Flyng” è un film nostalgico quanto a tratti divertente, il personaggio di Sal, interpretato dal fenomenale Bryan Cranston, riesce a spezzare tutta la tristezza che vige con momenti unici e battute brillanti. Particolarmente riuscita la sequenza dei tre amici in treno, che ridono ricordando le loro avventure sessuali in Vietnam, scena recitata con una spontaneità unica, che solo tre attori di quel calibro avrebbero potuto restituire.

L’America del 2003, che fa da cornice, è un paese ancora scosso e traumatizzato dalla guerra in Iraq e dagli attacchi terroristici, che ha perso le speranze verso le istituzioni governative. I tre protagonisti incarnano appieno questo sentimento, ognuno di loro trova diversamente conforto: chi nella religione, chi in se stesso e chi, come Doc, nell’amicizia. Quest’atipico ‘road-movie’, infatti, racconta principalmente di un’amicizia ritrovata, di come questo sentimento possa riemergere in persone che nel passato hanno condiviso tanto e che nel loro percorso hanno preso strade molto diverse. Il regista texano è particolarmente avvezzo nel narrare i rapporti interpersonali, che si tratti di storie d’amore o tra genitori e figli, ma, contrariamente ad alcuni dei suoi film, in “Last Flag Flying” non cade nel sentimentalismo stucchevole, ma lo trasporta in tutta la sua veridicità.

last-flag-flying.png

C’è anche una profonda riflessione sulle conseguenze della guerra nelle persone che l’hanno vissuta e sull’accettazione della perdita di un figlio per un padre. La scelta da parte di Doc di ricongiungersi ai suoi vecchi amici farà da movente catalizzatore per scendere a patti con un passato arduo da dimenticare e per prendere più consapevolezza di se stessi. Un viaggio interno per l’East Coast che riaffermerà il loro legame e farà sorgere nuovamente la speranza perduta nei tre uomini. Linklater ci regala nuovamente un altro spaccato di vita, catturando degli eventi ordinari che fluiscono sullo schermo e s’interrompono quasi in maniera casuale, così come si sono presentati. 

Gradimento Autore: 7.3/10 (Interpretazione: 9/10; Regia: 7/10; Scenografia: 6/10)

Gradimento Amletico*: 7.2/10

Attori principali: Steve Carell (Larry 'Doc' Shepherd); Bryan Cranston (Sal Nealon); Laurence Fishburne (Richard Mueller)

Paese: USA

Produzione: Amazon Studios, Big Indie Pictures

*Media tra gradimento del pubblico, critica e autore

Altre recensioni

IMDb: 6.7/10

Rotten Tomatoes: 71%

Cinematografo: 4/5