I segreti del Sacro Bosco di Bomarzo

Siamo a metà del 1500, quando Vicino Orsini, signore di Bomarzo, stanco delle innumerevoli guerre e battaglie che aveva intrapreso decide di ritirarsi a vita privata… e iniziare un suo personale percorso – mistico, letterario, di espiazione, chi lo sa?
I massi erratici, scagliati centinaia di migliaia di anni prima, dal vulcano, divennero i protagonisti di un giardino unico: rompendo le regole della tradizione rinascimentale, Orsini crea un parco dove il disordine e il grottesco sono i veri protagonisti.

Una visita guidata tra le sculture del Parco dei Mostri di Vicino Orsini. Passeggiando tra letteratura e alchimia, per cercare una nostra lettura dei giganti che popolano il Sacro Bosco.

Il Sacro Bosco di Bomarzo, o Parco dei Mostri, è un gioiello alquanto particolare dell’architettura rinascimentale italiana. Sorge su un’antica area vulcanica, ricca di enormi rocce affioranti che sono state scolpite e modellate secondo le forme più strane: elefanti, draghi, tempietti, divinità, volti dalle fauci spalancate e numerosi demoni appartenenti a disparate mitologie. Il percorso è riccamente suggestivo, cammineremo tra queste sculture grottesche e costruzioni inquietanti, scoprendo i significati allegorici, alchemici e simbolici che ogni personaggio porta con sé.

Dove: Sacro Bosco di Bomarzo
Data: domenica 25 giugno 2017, dalle 10:00 alle 13:00

  • Durata: mezza giornata
  • Difficoltà: facile
  • Appuntamento ore 10.00

Contattiinfo@percorsietruschi.it +39.327.4570748 / +39.320.3149587

RedazioneComment